Supporti rigidi: stampa e lavorazioni

I sistemi di stampa flatbed sono una risorsa sempre più importante per allargare le opportunità di business per stampatori e service di stampa

Veröffentlicht am 12.07.2021

Supporti, tecnologia, inchiostri e… creatività. La combinazione di questi elementi è la base del lavoro dello stampatore decoratore digitale, ma assume un valore ancora più particolare se si parla di materiali rigidi. Le stampanti piane, o flatbed, sono un’introduzione relativamente recente nel mondo della stampa digitale. In effetti la spiegazione è abbastanza semplice: non si parla più di stampare metri e metri di materiale da bobina, che si tratti di carta, pellicole o materiali flessibili in genere, ma di andare a trasformare un materiale rigido in un prodotto di comunicazione e di decorazione. In pratica, meno metri, più attenzione, ma anche nuove possibilità. I nuovi sistemi di stampa piani, infatti, oggi garantiscono eccezionale produttività anche per quanto riguarda i materiali rigidi, grazie all’implementazione di sistemi automatici di caricamento e scaricamento dei materiali, dell’inserimento di vernici e primer direttamente nel processo di stampa, nell’uso anche di materiali leggeri e compositi. Stiamo chiaramente parlando di un servizio che può rappresentare un business importante per uno stampatore, non necessariamente legato alla comunicazione visiva e quindi alla legge dei “grandi numeri”, ma su un concetto di decorazione e personalizzazione che amplia gli orizzonti di un’azienda verso nuove nicchie di mercato, interessanti e stimolanti. Certo posso stampare il classico pannello di forex per la fiera, o per un temporary, ma il più delle volte parliamo di produzioni a basso margine. Quello che diventa interessante è offrire a un progettista, un creativo, al cliente, la possibilità di operare una personalizzazione decorativa di ambienti privati, di lavoro, espositivi, curandone quindi tutti i dettagli, garantendo le prestazioni nel tempo e la qualità di riproduzione. E queste attenzioni hanno un valore, soprattutto se non parliamo di Forex ma magari di pannellature in legno nobile, di vetrate artistiche, di ceramiche, di metallo o materiali usati normalmente nel mondo dell’architettura e del design. Sistemi che grazie a inchiostri di nuova generazione, gestione automatizzata dei processi e una versatilità e flessibilità di utilizzo, offrono grandi prospettive e una visione amplificata delle possibilità di mercato. In realtà un lavoro complesso, che richiede una continua sperimentazione e ricerca, ma soprattutto richiede la capacità di poter offrire questi servizi a un nuovo target, il progettista, spesso non ha conoscenza di tali potenzialità e dunque oggetto anche di un’attenzione maggiore per quanto riguarda la trasmissione di contenuti e di informazione. Parliamo di una trasformazione, da stampatore a consulente di decorazione, con parametri diversi da quelli normalmente utilizzati nelle arti grafiche e nella comunicazione visiva, ma con grandi potenzialità. E oltre alla stampa ci sono poi tutte le possibilità offerte da lavorazioni e finiture speciali, con incisori, frese a controllo numerico e sistemi di taglio in grado di plasmare la materia secondo nuove forme e paradigmi estetici, in cui la stampa è un valore aggiunto.

Ausgabe lesen

Pubblitec

Edizione 2/3.2021
Ausgabe lesen